Fortezza navale

Fortezza navale di Suurupi e batterie costiere

Durante la Prima guerra mondiale fu costruita a Tallinn la Fortezza Navale di Pietro il Grande, un imponente complesso di fortificazione. Fu pianificata la costruzione di 3 batterie costiere e 3 stazioni di proiettori nella Penisola di Suurupi. Inoltre, fu pianificata la costituzione della Batteria Romanov a sud del faro posteriore di Suurupi, le cui due torri fortificate avrebbero dovuto ospitare quattro cannoni da 356 mm. Furono pianificate la costruzione della batteria n. 2 con sei cannoni da 130 mm sul litorale nella punta nord-occidentale della penisola e la costruzione della batteria n.3 con quattro cannoni da 130 mm nella costa settentrionale della penisola. 3. Infine, era previsto il montaggio di alcuni proiettori nei pressi delle batterie n. 2 e n.3 e nel'angolo nord-orientale della penisola.

La Batteria Romanov non fu mai costruita. Furono solo scavati due fori nel sostrato roccioso, nel punto in cui si pianificava la costruzione degli affusti di cannone e dei depositi di munizioni. Anche la batteria n. 2 non fu mai costruita. Entro la primavera del 1916 fu costruita una batteria dotata di un'imponente recinzione di protezione in calcestruzzo e di quattro cannoni da 234 mm.  A 300 metri a nord-ovest di questa batteria, nel bosco, fu costruito un bunker rettangolare di calcestruzzo, che ospitava un proiettore e un generatore diesel. Il proiettore poteva essere trasportato sulle rotaie, dal bunker al capo di Kivista. Della batteria n. 3 furono completate le recinzioni in calcestruzzo e gli affusti di cannone con parapetto. A 800 m a ovest della batteria, nella parte iniziale del capo di Nõmme, fu costruito un bunker di calcestruzzo con proiettore, che poteva essere trasportato sui binari in direzione dell'estremità del capo. Un secondo bunker con proiettore fu costruito sul litorale a est.

Durante la Repubblica, la batteria n. 2 fu ricostruita come batteria costiera n. 6. 6. I lavori di costruzione della batteria costiera n. 9 furono avviati nell'ubicazione della batteria n. 3 nel 1924. Il 1° gennaio 1927 le batterie costiere n. 6 e n. 9, i relativi edifici di servizio e le autorità furono accorpate nel Comando di Suurupi.

Durante l'estate del 1940, la Fortezza Navale di Suurupi passò sotto il controllo dell'Unione Sovietica. Nel 1941, le due recinzioni più a destra della batteria n. 6 e il bunker con il proiettore nei pressi del capo di Nõmme furono fatte esplodere. La batteria costiera di Suurupi cessò le sue attività e fu abolita negli anni '60.